Passi verso la ConoscenzaIl Libro del Sapere Interiore

Passo 207

Io perdono quelli che secondo me mi hanno fatto male.


QUESTA FRASE RAPPRESENTA LA TUA INTENZIONE di ottenere La Conoscenza, perché l'incapacità di perdonare è semplicemente l'applicazione della colpa in una situazione dove non sei stato capace di capire o di applicare La Conoscenza. In questo senso, tutti i tuoi insuccessi sono solo tuoi. Questo potrebbe a prima vista sembrare un fardello di colpe, fino a quando non ti renderai conto dell’opportunità superiore che ti offre. Perché se tutti gli insuccessi saranno attribuiti a te, allora ti renderai conto che tutti i correttivi vengono dati a te, affinchè tu li applichi. L'insuccesso di un altro non è tuo, ma se lo condanni allora diventa un insuccesso tuo. Pertanto, qualsiasi insuccesso che genera in te incapacità di perdonare, diventa un insuccesso tuo, perché l'insuccesso di un altro non serve che generi in te incapacità di perdonare o ti faccia fare imputazioni di alcun genere. Infatti, in futuro gli insuccessi degli altri genereranno compassione in te, e ti porteranno ad applicare La Conoscenza, senza il bisogno di imputare colpe e senza generare in te alcuna infelicità.

LA CONOSCENZA NON RIMANE SCIOCCATA QUANDO GUARDA IL MONDO. La Conoscenza non rimane delusa. La Conoscenza non viene scoraggiata. La Conoscenza non viene affrontata. La Conoscenza si rende conto della piccolezza del mondo e degli errori del mondo. Si rende conto di ciò perché conosce solo se stessa e tutto ciò che non è Conoscenza è semplicemente l'opportunità per La Conoscenza di essere riapplicata. Ne consegue che la tua incapacità di perdonare è per te semplicemente l'opportunità di riapplicare La Conoscenza.

RIPETI L'IDEA DI OGGI OGNI ORA e non sottovalutare il suo valore, per te che ora cerchi di sgravarti dai fardelli dell’angoscia e dello squallore. Nei tuoi due più profondi periodi di esercizio pratico, pensa, uno per uno, a quelli verso i quali provi incapacità di perdonare—individui che hai conosciuto personalmente e individui di cui hai sentito parlare o di cui hai pensato, individui che sono stati associati a insuccessi, a fallimenti. Ti verranno in mente mentre li richiamerai, perché tutti aspettano che li perdoni. Ora consenti loro di emergere uno per uno. Mentre lo fanno, perdona te stesso per aver fallito nell’applicare la tua Conoscenza. Ricordagli, quando ti appaiono, che ora stai imparando ad applicare La Conoscenza e non soffrirai per loro, come loro non dovranno soffrire per te. L'impegno a perdonare, dunque, è l'impegno a realizzare La Conoscenza e ad applicare La Conoscenza, perché La Conoscenza disperde l'incapacità di perdonare come la luce disperde l'oscurità. Perché c’è solo La Conoscenza e il bisogno di Conoscenza. Quello è tutto ciò che puoi percepire nell’universo.

I TUOI DUE PERIODI DI ESERCIZIO PRATICO SONO, DUNQUE, dedicati a metterti di fronte a quelli che hai accusato e a perdonare te stesso per l'insuccesso nell’applicare La Conoscenza nel comprenderli e nell’interagire con loro. Fallo senza alcuna forma di colpa o autodeprecazione, perché come avresti potuto non fallire quando La Conoscenza non era a tua disposizione o tu non eri a disposizione della Conoscenza. Accetta, così, le tue precedenti limitazioni e ora dedica te stesso a una nuova percezione del mondo, senza imputazioni di colpa e con la grandezza della Conoscenza.

Esercizio Pratico 207: Due periodi di 30 minuti di esercizio pratico. Pratica ogni ora.

Passi verso La Conoscenza - FAQ Domande e Risposte